Franz Anton Mesmer è stato un medico tedesco nato a Moos il 23 maggio 1734. Laureato in medicina e filosofia a Vienna. Ha svolto le sue attività in tutta Europa guadagnandosi la fama di illuminato e guaritore, le sue teorie sono alla base del movimento chiamato il mesmerismo.

Sempre a cavallo tra la disapprovazione da parte della comunità scientifica e i grandi risultati ottenuti in campo medico, non smette di affascinare per i suoi insoliti metodi e i singolari insegnamenti che se da un lato la comunità scientifica dell’epoca riteneva che fossero del tutto inefficaci sul piano terapeutico, alcuni scienziati come, il chimico Jean Baptiste van Helmont ed il medico tedesco Christoph Wilhelm Hufeland, ebbero infine un’opinione favorevole sulle sue teorie.

Il suo particolare interesse per le scienze naturali ma anche per l’alchimia e l’esoterismo sono alla base dei suoi studi che tentavano di dare un riscontro scientifico e razionale alle pratiche mistiche ed esoteriche del tempo.

Le sue più importanti teorie si basano tutte sul concetto del magnetismo animale. In un primo momento ipotizzò che il magnetismo fosse esterno e quindi minerale, per questo tentava di curare i suoi pazienti applicando su di essi ferro calamitato. Ma successivamente i suoi studi lo portarono alla convinzione che non fosse il metallo ad agire come catalizzatore delle sue mirabolanti guarigioni ma una qualche forza, o “fluido”, che proveniva direttamente dal nostro corpo. Questo fluido, che lui definì “Magnetismo Animale”, che secondo la sua idea, riempie l’universo e crea una sorta di connessione tra l’uomo e la terra, i corpi celesti e gli uomini stessi.

Secondo Mesmer e le sue teorie, la malattia ha origine dalla carenza di tale fluido nel corpo dell’uomo malato. Grazie a opportune tecniche il fluido può essere incanalato e convogliato da altre persone al malato, che può così essere curato. All’apice del successo, Mesmer curava i suoi pazienti con dei magneti che applicava su varie parti del corpo. Successivamente sviluppò dei metodi alternativi: in un primo tempo l’imposizione di mani irraggianti “energie benefiche”, successivamente bagni collettivi in grandi tinozze contenenti “acque magnetizzate” e induzione di stati di coscienza alterati, che egli chiamava “sonnambulismo artificiale”, e che possono essere considerati precursori dell’ipnosi.

 “tutte le influenze delle cose sugli esseri trovano una corrispondenza reciproca nell’influenza degli esseri e delle cose e gli astri dominano gli essere e le cose dell’universo” (Franz Anton Mesmer)

Mesmer inoltre definì come “gravità animale” l’influenza che gli astri e i vari corpi celesti hanno sull’uomo e sull’insorgere della malattia quando essi vengono contrastati.

Ovviamente queste teorie che possono sembrare assurde per l’uomo moderno, riscuotevano un certo successo sulle comunità dell’epoca: egli non solo godeva di grande notorietà ma i suoi studi sortivano un grande effetto sia nella popolazione semplice sia tra nobili e reali, anche se ovviamente non venivano accettati da tutti e alcuni arrivarono a definirle delle pseudoscienze.

Il prestigio di Mesmer toccò anche personalità importanti, come quella di Mozart. Tra i due nacque una sincera amicizia, che influenzò tutta la famiglia del compositore. Una sera Wolfgang chiese al dottore se poteva sanargli un fastidioso dolore al collo, Mesmer posò le sue mani sulle spalle del giovane che avvertì un “dolce calore” che alleviò immediatamente i sintomi, e il ragazzo gridò al miracolo. Il dottore fu invitato a trascorrere una serata in casa Mozart per festeggiare insieme la fine della composizione dell’opera Bastien und Bastienne, che Wolfgang Amadeus Mozart presentò il 1º ottobre del 1768.

Successivamente molto deluso dalla scarsa accoglienza che avevano in Francia i suoi studi e le sue teorie decise di lasciare Parigi il 15 aprile 1781. La notizia si diffuse rapidamente gettando nel panico i suoi numerosissimi pazienti: duchi, principi ma anche tutti gli indigenti che curava gratuitamente.

Per convincerlo a desistere, fu richiesto l’intervento della regina Maria Antonietta che, però, non poté farlo direttamente a causa del lutto per la morte della madre, l’imperatrice Maria Teresa, deceduta alcuni mesi prima e quindi secondo l’etichetta la regina non poteva ricevere visite. Mesmer rifiutò in blocco tutte le proposte e scrisse una lettera alla regina: nelle sue intenzioni doveva essere un ringraziamento, invece, a causa del tono usato, fu accolta come un’ingiuria.

La cosa singolare, per quanto sembrano assurde queste idee, è che gli scritti e i resoconti dell’epoca parlano di vere e proprie guarigioni. Ció non viene affermato solo da lui o dai suoi discepoli ma anche dai giornali dell’epoca e dalle testimonianze circa le sue provate e miracolose guarigioni.

Mesmer inoltre tenne nascoste per tutta la vita le possibilità terapeutiche del sonnambulismo indotto, attraverso la cui pratica risaliva il più lontano possibile nell’infanzia del paziente per estrarre dalla memoria i particolari di un sintomo, ponendo domande sulla malattia e, pur servendosi di queste pratiche, non volle mai divulgarle.

In ogni caso è doveroso ricordare che non esistono prove tangibili che confermano le teorie di Franz Anton Mesmer e del “magnetismo animale”. In molti tra scettici e studiosi sono convinti che le sue mirabolanti guarigioni siano frutto della forza e della suggestione esercitava Mesmer sui pazienti, durante le sue sedute.

Morì quasi dimenticato in Germania. Il suo lavoro, tuttavia, poneva le basi per studi più grandi in numerosi campi. Le sue teorie ed idee analizzate da un punto di psicologico potevano davvero dimostrare che l’autosuggestione poteva davvero avere effetti sullo stato di salute di una persona.

Convinzioni, fanatismo, bugie? Le idee sono confuse e le possibilità infinite, se davvero c’era un riscontro tecnico scientifico, com’è possibile che curasse con solo l’uso delle mani e davvero il mondo è tutto collegato da un fluido magnetico? Le idee sembrano quelle dei filosofi greci, ma il suo voler spiegare scientificamente le pratiche mistiche fa parte dell’uomo moderno e dell’illuminismo. Forse non troveremo mai una risposta concreta, ma la sua vita e le sue teorie mi affascinano, toccandomi con il loro significato intangibile che non riesco a cogliere.

Fonte per le immagini: Wikipedia, Wikimedia

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here